1961-2021 – 60 anni di ISOLFIN. I progetti che hanno fatto la storia. Anni ’2010. La Symphony of the Seas

Lunga 362 metri e alta poco più di 70, la Symphony of the Seas, quarta nave di classe Oasis, ha conquistato il titolo di nave da crociera più grande del mondo.

Completata nel 2018 in Francia per la Royal Caribbean International, essa è capace di viaggiare a 41 km orari e di ospitare fino a un massimo di 6680 passeggeri.

Ma la Symphony of the Seas è molto di più di questo: è un sogno che domina il mare regalando lusso, divertimento e avventura ai suoi passeggeri.

Dotata di innumerevoli e rivoluzionarie attività e intrattenimenti, come la battaglia di Laser Tag, i simulatori di surf e un Bionic Bar gestito interamente da barman-robot, la nave è inoltre dotata di un design efficiente e all’avanguardia dal punto di vista energetico.

Infatti, questa magnifica struttura richiede una minore generazione di energia a bordo, è dotata di sole luci a LED o fluorescenti – che le consentono di evitare la generazione di calore dalle lampadine a incandescenza riducendo così il carico sugli impianti di condizionamento – e utilizza il 25% in meno di carburante grazie all’adozione di un sistema di lubrificazione ad aria che genera un flusso di minuscole bolle d’aria sotto lo scafo permettendo alla nave di planare più agevolmente nell’acqua.

Infine, la Symphony of the Seas è dotata di una turbina a vapore da 2 MW che le rende possibile recuperare il calore di scarto dai motori e convertirlo in energia utile per alimentare una parte del carico dell’hotel.

Nella realizzazione di questo lavoro, Isolfin si è occupata dell’isolamento e della protezione anticorrosiva e ignifuga della nave.

1961-2021 – 60 anni di ISOLFIN. I progetti che hanno fatto la storia. Anni ’2000. La piattaforma di Sabratha.

A 110 km dalla costa libica si erge la piattaforma di Sabratha che, con i suoi 202 metri di altezza e le sue 25.000 tonnellate, è uno dei più grandi impianti petroliferi e di gas offshore di tutta la Libia.

Fissata al fondale marino a 190 metri di profondità, la piattaforma Sabratha è dotata di tutte le strutture necessarie per la separazione preliminare e per il trattamento del gas, rendendola di fatto un’importante fonte di approvvigionamento per il gasdotto Greenstream e per il consumo locale di gas in Libia.

Questa importante struttura è inoltre provvista di un eliporto e di alloggi che permettono di ospitare fino a 120 persone.

Collocata nel giacimento di Bahr Essalam, la piattaforma è stata commissionata dalla Libia e la sua costruzione ha richiesto l’ausilio di diverse imbarcazioni e di numerose sessioni di immersioni. Mentre la parte sommersa è stata costruita ad Arbatax in Sardegna, Isolfin si è occupata del lavoro di isolamento, protezione anticorrosiva, trattamento ignifugo e di manutenzione della struttura dal 2005 al 2020.

1961-2021 – 60 anni di ISOLFIN. I progetti che hanno fatto la storia. Anni ’2000. La centrale Teodora.

1961-2021 – 60 anni di ISOLFIN. I progetti che hanno fatto la storia.

Anni ’2000. La centrale Teodora.

Enel e lo sviluppo sostenibile: la centrale Teodora è una centrale termoelettrica a ciclo combinato costruita negli anni ’50 e di recente convertita. Isolfin ne ha curato l’isolamento lungo tutto il ciclo di vita.

La centrale Teodora è una centrale termoelettrica a ciclo combinato alimentata a gas naturale e dedicata alla produzione di energia elettrica. Una centrale termoelettrica sfrutta meglio il combustibile, con due cicli termodinamici in serie che aumentano il rendimento termodinamico.

Situata a Ravenna ha una potenza che supera i 700 megawatt ed è una delle più grandi centrali del suo genere, nonché una delle più moderne strutture dell’Enel.

Progettata alla fine degli anni 50 da Ignazio Gardella, lo storico stabilimento di Porto Corsini è stato convertito a centrale termoelettrica all’inizio degli anni 2000, con un netto miglioramento dell’impatto ambientale.

L’isolamento della centrale Teodora è stato gestito da Isolfin sin dalla sua nascita, che ne ha curato tutto il ciclo di vita, dalla costruzione alla conversione.

Il ponte di Braila in costruzione

Un’emozionante immagine della costruzione in corso del ponte di Braila in Romania, one dei più grandi e ambiziosi progetti strutturali europei. ISOLFIN partecipa con i suoi servizi di isolamento.

(Picture credits: Webuild) https://buff.ly/3D0CIRy

1961-2021 – 60 anni di ISOLFIN. I progetti che hanno fatto la storia. Anni ’2000. Le crociere Disney

Amanti dei classici Disney, sapevate che offre crociere per famiglie? Per le navi della flotta Disney Isolfin ha curato l’isolamento

Da oltre vent’anni la Disney Cruise Line ha offerto alle famiglie una magia con crociere da sogno sulle sue quattro imbarcazioni. Disney Fantasy, Disney Dream, Disney Wonder e Disney Magic: vi presentiamo la flotta Disney.

Proprietà della famosa casa americana e commissionate dal 1996 al 2012, la linea si è specializzata in crociere per famiglie a tema dei propri personaggi. La destinazione di queste quattro meraviglie? Caraibi, Alaska, Messico! Le attività a bordo in pieno stile Disney non mancano, con un corso di cucina alla Remy di Ratatouille, zone per gli adulti eterni Peter Pan e momenti indimenticabili con le tanto amate principesse.

Di queste quattro imbarcazioni, Isolfin ha curato l’isolamento e la manutenzione lungo gli anni.

Per il secondo anno consecutivo ISOLFIN® è fra le Best Managed Companies (2021)

Per il secondo anno consecutivo ISOLFIN® è fra le Best Managed Companies (2021) secondo l’istituto Deloitte. Best Managed Company è il riconoscimento annuale rivolto alle aziende che si sono distinte per strategia, competenze e innovazione, impegno e cultura aziendale, governance e performance, internazionalizzazione e sostenibilità.

L’amministratore delegato di ISOLFIN®, Marco Nori, ha commentato: “Questo riconoscimento vale moltissimo per ISOLFIN, perché si riferisce ai risultati del 2020, uno dei più difficili per le aziende che lavorano nei cantieri – quasi tutti fermi per molti mesi l’anno scorso. Abbiamo attraversato mesi complicati con determinazione, sapendo di dovere dare il massimo della flessibilità e della rapidità per riorganizzare i progetti e i cantieri secondo le direttive dettate dall’emergenza. Grazie a questo impegno abbiamo minimizzato i ritardi dei lavori e con un riassetto della pianificazione ci siamo rimboccati le maniche per recuperare. Siamo una squadra di persone che hanno a cuore l’azienda e il suo posto nel mondo. Grazie a tutti i membri di ISOLFIN”.

https://www.ansa.it/lazio/notizie/2021/09/27/made-in-italy-la-romana-isolfin-tra-le-best-managed-companies_6846bda1-29e8-4ee1-9293-fc99576ae507.html

1961-2021 – 60 anni di ISOLFIN. I progetti che hanno fatto la storia.

Anni ’90. Le due gemelle di Costa Crociere: La Classica e la Romantica

Le due gemelle di Costa Crociere: La Classica e la Romantica, le prime due navi da crociera costruite in Italia dagli anni ‘50. Concepite con uno sguardo al futuro che celebra il passato, pensando a una esperienza di lusso e intrattenimento. Isolfin ne ha curato l’isolamento.

La Costa Classica e Costa Romantica sono due imbarcazioni gemelle della Costa Crociere costruite rispettivamente nel ‘91 e nel ‘93 nei cantieri navali di Fincantieri di Marghera e sono le prime due navi da crociera costruite in Italia dagli anni ’50

La Costa Classica è stata progettata con la collaborazione di grandi professionisti del settore navale, come Pierluigi Cerri, lo studio Gregotti e Ivana Porfiri, con lo scopo di creare una nave improntata al futuro che mostrasse però anche un richiamo all’estetica del passato, come ad esempio con le scialuppe situate nella zona alta della fiancata, tipico delle imbarcazioni d’epoca.

La gemella Costa Romantica, invece, viene battezzata il 22 settembre del 1993. Presenta una altezza di 45 metri e una lunghezza di oltre 200 metri con quasi 700 cabine, alcune di queste con balcone privato, piscine e vasche idromassaggio, ristoranti, bar, un teatro e tantissime altre fonti d’intrattenimento, benessere e relax.

Isolfin ha curato l’isolamento anche dopo il refitting degli anni 2000.

ISOLFIN studia la riduzione di CO2 presso l’impianto SARLUX (Sarroch, Sardegna)

ISOLFIN è stata coinvolta nel progetto di ricerca e sviluppo delle modalità di isolamento termico, della riduzione del dispendio energetico e della conseguente riduzione dei consumi e delle emissioni di CO2 della raffineria Saras Sarlux a Sarroch (CA, Sardegna). L’attività si è sviluppata lo scorso 2020 in occasione della fermata decennale dell’impianto IGCC della raffineria di Saras.

Lo studio di ISOLFIN è stato organizzato seguendo le direttive della certificazione della società presso la EIIF (European Industrial Insulation Foundation) con l’input degli ingegneri di ISOLFIN.

Questo perché l’isolamento è un’altra faccia della green migration. L’energia risparmiata è sicuramente la più verde.